Comunicato stampa – Giornata Nazionale del Cane Guida: Firenze, domenica 28 ottobre 2018 #Caniguidain città

COMUNICATO STAMPA

Giornata Nazionale del Cane Guida: Firenze, domenica 28 ottobre 2018

Un appuntamento per imparare a conoscere e rispettare gli “accompagnatori a quattro zampe”

#Cani guida in città

“Il titolo della manifestazione deriva dalla necessità di riconoscere questi compagni a quattro zampe come supporto reale e concreto ai cittadini ciechi ed ipovedenti, accompagnandoli ovunque, passo dopo passo. Cani guida in città, circondati da cittadini realmente consapevoli del loro ruolo e della loro importanza”

I cani guida sono gli occhi di chi non vede: sono amici e alleati insostituibili delle persone cieche, sono compagni di viaggio lungo la strada dell’autonomia.  Tutti i cittadini (non solo i disabili visivi e le loro famiglie) dovrebbero imparare a conoscere e rispettare questi particolarissimi “accompagnatori a quattro zampe”.

Ecco perché, da ben tredici anni, l’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti ha fortemente voluto la nascita e continua a festeggiare con determinazione la giornata del cane guida, attraverso eventi a tema che si svolgono, con diverse declinazioni, su tutto il territorio italiano.

Quest’anno, a Firenze l’appuntamento è per domenica 28 ottobre dalle 15.00 alle 18.00 in cammino da Piazza San Marco verso Piazza della Repubblica, dove trascorreremo un pomeriggio insieme. L’evento è organizzato dall’UICI – Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti Sezione Territoriale di Firenze e vedrà la preziosa partecipazione della Scuola Nazionale Cani guida per Ciechi di Scandicci.

La giornata si articola in diversi momenti, dal viaggio in autobus urbano alla passeggiata con i cani guida in centro città, dalla distribuzione di materiale informativo sulle guide a quattro zampe che mostreranno anche le loro abilità sotto la supervisione degli addestratori, al confronto con persone non vedenti che racconteranno le loro esperienze e risponderanno alle domande della cittadinanza. Potrete conoscere quali leggi tutelano i cani guida e come comportarsi se ne incontrate uno sul vostro cammino. Apprenderete che potreste anche prendere un cucciolo in casa con voi per un anno, per aiutarlo a divenire un cane guida ben educato ed abituato a tutti i contesti della vita quotidiana.

Il ruolo che gli “amici a quattro zampe” ricoprono per le persone cieche non è affatto scontato. L’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti ricorda infatti che in Italia esiste una normativa specifica, spesso ancora ignorata. In particolare, la legge n. 37 del 1974, successivamente integrata e modificata dalla legge n. 376 del 1988 e dalla legge n. 60 del 2006, assicura alla persona non vedente il diritto di essere accompagnata dal cane guida su qualunque mezzo di trasporto pubblico e in tutti gli esercizi aperti al pubblico.

Nonostante queste chiarissime indicazioni, gli episodi di discriminazione sono ancora molti: in un negozio o sul taxi, in una spiaggia o un albergo e perfino in un ambulatorio oculistico, a molti ciechi è capitato, anche recentemente, di sentirsi dire “il cane qui non entra”. Ecco allora l’importanza di un approccio corretto alla materia.

Ma la Giornata del Cane Guida non vuole essere solo informazione: sarà anche un momento di festa per tutti, persone con disabilità visiva e loro cani guida, istruttori di cani guida per ciechi, famiglie affidatarie dei cuccioli e cittadinanza. Per dire con forza che il cane che di lavoro guida una persona cieca è un alleato preziosissimo, che presta i suoi occhi e la sua attenzione a chi non può vedere e che questa coppia costituita da  uomo e cane, insieme può andare ovunque.

Vi aspettiamo domenica alle 14.30 per camminare con noi in Piazza San Marco o alle 15.00 in Piazza della Repubblica.

Di seguito il programma dettagliato del pomeriggio.

ore 14.00 Ritrovo presso Circolo Gino Baragli Via Antonio Cocchi 17 – Firenze  e trasferimento dei partecipanti e cani guida in centro città in autobus;

ore 14.30 Arrivo in Piazza San Marco e passeggiata dei partecipanti e dei cani guida verso Piazza della Repubblica;

ore 15.00 Sistemazione in piazza della Repubblica; saluto dell’Associazione U.I.C.I. Sezione Territoriale di Firenze, delle autorità presenti, distribuzione di materiale informativo sul cane guida alla cittadinanza;

ore 16.00 Arrivo istruttori scuola Nazionale Cani Guida per Ciechi di Scandicci, presentazione della scuola e brevi dimostrazioni del lavoro dei cani guida;

ore 17.00 – 18.00 Storie di vita, conduttori non vedenti con il loro cane guida si raccontano.

Nel corso del pomeriggio  avverrà la distribuzione di materiale informativo sui cani guida e gli interessati potranno avere risposte su tematiche riguardanti il comportamento di questi animali educati per essere compagni di libertà, da parte di persone con disabilità visiva provenienti da tutta la Toscana, che si avvalgono del loro aiuto per muoversi ogni giorno e degli istruttori della Scuola nazionale Cani Guida per Ciechi di Scandicci.

A seguire un decalogo di comportamento in presenza dei Cani Guida:

1. Non mi dare da mangiare e non chiamarmi quando sto lavorando, i fischi mi distraggono, e se vuoi salutarmi chiedi prima alla persona che accompagno

2. Non lasciare il tuo cane sciolto nell mie vicinanze quando lavoro, cerca di controllarlo.

3. Aiutami a trovare un’ubicazione comoda all’interno dei mezzi pubblici, inoltre non ho obblighi di pagare alcun biglietto o sovrattassa.

4. Ricorda che sono gli occhi di una persona, non impedire il mio accesso ai locali e ai mezzi pubblici. Lo prevede la Legge n. 37/1974, integrata e modificata dalla legge n. 376/1988 e dalla legge n. 60/2006

5. Non avere paura di me, non sono aggressivo e non trasmetto malattie.

6. Quando sei alla guida e mi vedi che attraverso, fermati a una distanza sufficiente per non spaventarmi.

7. Quando devi dare un’indicazione al mio padrone non prendermi dal guinzaglio nè dal collare.

8. Siamo abituati a sporcare in luoghi adeguati e il nostro padrone risulta esonerato dalla raccolta obbligatoria dei nostri bisogni, come previsto da molti regolamenti comunali.

9. Non ostacolare il mio passaggio sulle rampe, ricorda che macchine e motorini parcheggiati sui marciapiedi o in presenza di strisce pedonali, costituiscono un ostacolo insormontabile per il mio padrone.

10. Sono riconoscibile perchè ho una maniglia sulla schiena, detta “GUIDA”, la persona non vedente che accompagno l’afferra e può seguirmi: io divento così il suo indispensabile ausilio negli spostamenti.

Collabora a rispettare e diffondere queste smeplici regole, aiuterai chi non vede ad essere autonomo con il proprio cane. Inoltre ti preghiamo, ringraziandoti, di far conoscere ai nostri amici bambini la realtà del cane guida.

decalogo cane guida Firenze